Notizie dagli istitutiFondazione Giorgio Amendola17-18-19 ottobre 2022: Prospettive interdisciplinari sull’estetica e il cambiamento

17-18-19 ottobre 2022: Prospettive interdisciplinari sull’estetica e il cambiamento

Il convegno nasce in seguito alla convenzione stipulata tra la Fondazione Giorgio Amendola e il Dipartimento di Psicologia dell’Università degli Studi di Torino allo scopo di sviluppare e promuovere attività di ricerca, di divulgazione scientifica e culturale e di riqualificazione del territorio. Il tema del convegno nasce dalla comprensione del valore chiave della bellezza e dell’arte come mezzo di espressione della persona e supporto nei momenti di cambiamento e di incertezza. L’incontro fra il gruppo di ricerca BIP (BraIn Plasticity and behavior changes – coordinatrice Prof. Katiuscia Sacco), che da anni declina queste tematiche nell’ambito delle neuroscienze cognitive, con la Fondazione Amendola, attore principale nei percorsi di riqualificazione urbana e sede di manifestazioni artistiche e culturali, ha dato il via al progetto per questo convegno internazionale a carattere interdisciplinare. Il tema esplorato è quello della bellezza come medium di trasformazione personale e sociale, visto attraverso le lenti di diverse discipline filosofiche e scientifiche, come la neuroestetica, i modelli neurocomputazionali, la psicologia sperimentale, le scienze dell’educazione, la psicologia clinica e la filosofia critica. Pensando alle importanti connessioni fra l’apprezzamento estetico, le dinamiche di apprendimento e di interazione sociale, vorremmo proporre tre macrotemi per il convegno, da esplorare in tre giornate.

Il primo giorno sarà dedicato a Estetica e apprendimento (Aesthetics and learning), puntando a sottolineare gli importanti legami fra bellezza e acquisizione di conoscenza, declinati a partire dall’intervento del Prof. Hansen, neuroscienziato esperto degli intrecci fra musica e apprendimento. Il secondo giorno sarà focalizzato su Bellezza e risonanza interpersonale (Beauty and Interpersonal Resonance): anche grazie all’intervento del Prof. Vittorio Gallese (fra gli scopritori dei neuroni specchio e attualmente impegnato in ricerche di carattere neuroestetico), verrà messo in luce il valore sociale dell’apprezzamento estetico e dell’arte. L’ultimo giorno sarà focalizzato sulle prospettive applicative della bellezza (a partire dall’approccio estetico in psicoterapia; “Beauty and Therapy”) e si chiuderà con l’intervento di Gianni Francesetti, psichiatra e psicoterapeuta di fama internazionale, noto per il suo approccio “estetico” in terapia. Le tre giornate saranno suddivise ulteriormente in “panels” tematici. In ogni panel parteciperanno alla discussione alcuni “invited speakers” e altri partecipanti selezionati in base ai contributi sottoposti al comitato scientifico organizzatore, coordinato dalla Prof. Katiuscia Sacco del BIP Group.

Ogni giornata si concluderà con una discussione finale orientata anche a condividere prospettive sulla ricerca futura. Durante il convegno saranno previsti momenti di socialità, mentre sarà garantita la possibilità per i/le partecipanti non selezionati/e per le presentazioni orali di esporre un poster e di presentare comunque il proprio lavoro. Durante il convegno sarà inoltre allestita una mostra tematica a cura del Comitato Scientifico della Fondazione Amendola (la fondazione ospita mostre temporanee e stabili).

Qui tutte le informazioni:

https://fondazioneamendola.it/eventi/brain-plasticity-general-information/

 

a

Indirizzo: Via della Dogana Vecchia 5 – 00186, Roma

Telefono: +39 06.6879953 / Fax: +39. 06 68307516

Mail: segreteria@aici.it

Webmaster: supporto@aici.it