Notizie dagli istitutiFondazione Napoli NovantanovePresentazione Volume “1992-2022, 30 anni de La scuola adotta un monumento®”

Presentazione Volume “1992-2022, 30 anni de La scuola adotta un monumento®”

Auditorium del MANN, Museo Archeologico Nazionale, Napoli – 29 settembre 2022 , ore 10,30

Presentazione del Volume “1992-2022, 30 anni de La scuola adotta un monumento®”

Il 2022 ci vede impegnati nelle celebrazioni di uno dei progetti più importanti della nostra Fondazione. Per questa occasione abbiamo scelto la pubblicazione di un libro che, con parole e immagini, racconta come si sia cercato, con questo progetto, di suscitare la passione per la scoperta della storia della città in cui si vive.

Il volume, con le prefazioni dei Ministri dell’Istruzione e della Cultura, ripercorre la storia dei primi entusiasmanti 30 anni di attività de La scuola adotta un monumento®, un progetto ideato dalla Fondazione Napoli Novantanove e portato avanti con i docenti delle 3.000 scuole che nel tempo hanno scelto di aderirvi ed i 300.000 ragazzi che, in questo trentennio, hanno lavorato e lavorano per far conoscere e amare il patrimonio artistico e culturale del nostro Paese.

Il progetto nasce a Napoli, nel 1992quando,  all’indomani di un atto vandalico ai danni dell’Arco di Trionfo di Alfonso d’Aragona in Castel Nuovo, da poco restaurato e immortalato dalla magnifica foto di Mimmo Jodice, abbiamo capito che era necessario  interrompere la serie di restauri e lavorare alla formazione di una nuova consapevolezza, nei giovani ,dell’importanza dei beni culturali delle loro città.

E ancora, si racconta del rapidissimo sviluppo conosciuto dal programma dell’adozione con la nascita, già nel 1994, de La Rete Europea e de La Rete Nazionale fino a raggiungere due anni fa il Brasile con Porto Alegre e, quest’anno, l’Argentina con Buenos Aires. Entrambi luoghi con una forte comunità di origini italiane, grazie a due docenti, uno di Palermo e una di Napoli, che comandati dal Ministero alle sezioni educative dei rispettivi Consolati Generali, e che avevano partecipato al progetto, lo hanno riproposto, con in più una convenzione con le Università per l’insegnamento della lingua italiana alle scuole di Adotta.

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *